Il regista

Leandro_Giribaldi

Leandro Giribaldi ha cominciato ad occuparsi di cinema fin dai primi anni Ottanta, realizzando alcuni cortometraggi in super-8 e 16 mm. E’ stato allievo di Ermanno Olmi e Mario Brenta a ‘Ipotesi Cinema’ di Bassano del Grappa. 

Collabora da anni con l’Azienda Sanitaria di Firenze con la quale realizza cortometraggi e documentari di argomento sociale.

Collabora con l’Istituto Francese di Firenze e con la Biblioteca “E. Ragionieri” di Sesto Fiorentino.

Conduce corsi di storia del cinema.

Ha realizzato, come sceneggiatore e regista, molti cortometraggi e documentari, alcuni dei quali dedicati all’arte.

Fra questi: “Pinocchio, il pescecane e il mare all’Osmannoro(1995); “Giovanni Fattori pittore del vero(2001); “I Macchiaioli(2003); “Un giorno come un altro(2004), “Angeli del fango(2006), Jorio Vivarelli scultore – La materia della vita(2009); “Il Futurismo a Firenze(2009), Kaleidoskop” (2012). 

Il Futurismo a Firenze” è in proiezione permanente presso il Museo del Novecento di Firenze.
Jorio Vivarelli scultore – La materia della vitaè in proiezione permanente presso la Fondazione J. Vivarelli di Pistoia.

Nel 2016, ha prodotto e diretto Federico Zandomeneghi – La vita e l’arte”, dedicato all’unico pittore impressionista italiano, già in distribuzione presso la mostra del centenario del pittore allestita presso il Palazzo Zabarella di Padova e presentato a Sarzana, Venezia e Firenze.

Nel 2016 ha diretto e montato alcuni documentari dedicati ai 50 anni dell’alluvione di Firenze, fra i quali Ritratto di Bargellini” “L’Archivio dell’Opera del Duomo“. Il “Ritratto di Bargellini” è stato presentato presso la Camera dei Deputati di Roma, in occasione di una giornata dedicata alla commemorazione dell’ex sindaco di Firenze.  Nel 2016 ha co-diretto inoltre, insieme a Massimo Becattini, “1966: Semiologia di un’alluvione”.

Comments are closed.